Sinergia - Sottoprogetti

Basandosi sulle intuizioni della demografia sociale, della psicologia, dell’architettura, degli studi sull’edilizia e l’abitazione e del diritto, questo progetto interdisciplinare finanziato dal FNS indaga gli effetti di quattro dimensioni chiave sul benessere dei bambini:

ABSTRACT:

 

Nel mezzo del mutevole panorama familiare della Svizzera, segnato da un notevole aumento delle separazioni e dei ricongiungimenti, in particolare tra le famiglie con figli minorenni, ci troviamo a un bivio emozionante. I cambiamenti nelle modalità di custodia richiedono non solo adattabilità, ma anche resilienza sia da parte dei genitori che dei figli. La ricerca internazionale esistente presenta gradi variabili di benessere infantile in relazione alle diverse forme familiari. Tuttavia, i limiti di questi studi spesso precludono una comprensione approfondita di come il benessere dei bambini e le modalità di custodia si trasformano nel tempo. Inoltre, la nostra comprensione di come le relazioni familiari, i fattori socioeconomici e le condizioni abitative interagiscono e influenzano il benessere dei bambini rimane scarsa.

 

Raccolta dati:

 

Per rispondere a questa urgente esigenza, FamyCH avvia uno studio completo e longitudinale. Questo impegno mira a seguire famiglie con bambini di età compresa tra 0 e 14 anni, offrendo un’analisi approfondita degli indicatori di benessere infantile come la salute fisica e mentale, gli aspetti cognitivi, emotivi e relazionali. Attraverso un’indagine nazionale che coinvolge 1200 famiglie con diverse modalità di custodia post-separazione, raccoglieremo dati sulle caratteristiche socio-demografiche dei genitori, sulla qualità relazionale, sui modelli di vita e di mobilità dei figli, nonché sui meccanismi che portano ad accordi di custodia specifici. Inoltre, 800 famiglie non separate fungeranno da gruppo di confronto. Sia i genitori biologici residenti che quelli non residenti sono calorosamente invitati a contribuire a questo studio fondamentale. La raccolta dei dati avverrà tramite un questionario online in tre punti cruciali nell’arco di due anni. I risultati di questo ampio studio longitudinale forniranno informazioni preziose sull’evoluzione delle modalità di custodia e sui loro effetti sul benessere dei bambini, nonché sulle disuguaglianze sociali vissute dai bambini che attraversano la separazione dei genitori. Le implicazioni pratiche di questo studio sono di vasta portata e rilevanti oltre il mondo accademico. I risultati costituiranno una solida base per affinare le politiche svizzere in modo che si allineino meglio alle dinamiche delle modalità di custodia. Abbracciando la natura multiforme del benessere nelle diverse strutture familiari, i risultati dello studio guideranno non solo le procedure legali, garantendo che siano più reattive e flessibili alle diverse esigenze delle famiglie, ma daranno anche potere ai bambini e alle famiglie nel loro percorso post-separazione. In definitiva, ciò ridurrebbe al minimo le avversità che devono affrontare e creerebbe un ambiente più stimolante, sottolineando ulteriormente il nostro impegno a sostenere il benessere dei bambini e delle famiglie in Svizzera.

ABSTRACT:

 

Le relazioni familiari sono fondamentalmente legate al benessere dei bambini. Tuttavia, quando le famiglie attraversano momenti di transizione come la separazione o il divorzio, queste relazioni cambiano profondamente. In Svizzera, la crescente adozione della custodia parentale congiunta (SPC) solleva questioni cruciali sugli effetti dei diversi accordi di custodia sui bambini. La ricerca esistente offre punti di vista contrastanti, confrontando principalmente il benessere dei bambini nelle famiglie “intatte” con quelli nei regimi SPC o di custodia monoparentale (LPC). Tuttavia, c’è molto altro da esplorare quando si tratta delle intricate relazioni tra genitori e figli nella loro vita quotidiana. Approfondendo queste dinamiche, possiamo acquisire una comprensione più ricca dell’impatto di queste modalità di custodia sul benessere dei bambini. Presentiamo il progetto FamyCH, in cui intraprendiamo un accattivante studio di diario quotidiano per esaminare il benessere dei bambini attraverso varie modalità di custodia, il tutto attraverso la lente delle relazioni. La nostra ricerca si concentra sulla complessa interazione tra la qualità della relazione intergenitoriale, la relazione genitore-figlio e le strategie genitoriali. Il nostro obiettivo finale è migliorare la comprensione di come queste dinamiche relazionali modellano il benessere generale dei bambini attraverso le modalità di custodia. Per 15 giorni, le famiglie partecipanti ci offriranno uno sguardo sulle loro esperienze quotidiane attraverso un’applicazione dedicata. Questo innovativo design di ricerca supera le tradizionali limitazioni degli studi, documentando le dinamiche in tempo reale all’interno delle famiglie separate o divorziate. Approfondiremo sia le sfide che i punti di forza di queste relazioni, esplorando i fattori che possono metterle a dura prova, come i conflitti, e quelli che le rafforzano, come la qualità della relazione genitore-figlio o la risoluzione costruttiva dei conflitti tra genitori. Un aspetto cruciale del nostro approccio è l’integrazione dei punti di vista dei bambini, arricchendo in modo significativo la nostra comprensione del loro benessere nelle diverse modalità di custodia. Catturando un’immagine istantanea della vita familiare quotidiana e abbracciando le prospettive dei bambini, i nostri risultati mirano a informare i politici, gli assistenti sociali e le famiglie, fornendo loro una comprensione sfumata delle implicazioni degli accordi di custodia in seguito alla separazione o al divorzio. In definitiva, questo studio cerca di fornire alle famiglie conoscenze sui potenziali impatti delle loro dinamiche relazionali sul benessere dei loro figli, fornendo una base per migliorare i risultati in termini di benessere infantile nel contesto delle transizioni familiari. In tal modo, il nostro obiettivo è fornire un sostegno alle famiglie che affrontano le complessità della separazione o del divorzio, contribuendo positivamente al benessere dei bambini a lungo termine.

 

Raccolta dati:

 

Il sottoprogetto S2 contribuisce all’indagine nazionale sulle famiglie svizzere (S1). Il suo approccio unico sfrutta i metodi del diario quotidiano per approfondire le esperienze quotidiane delle famiglie nella loro vita di tutti i giorni. Dall’ampia indagine nazionale, verranno reclutate un totale di 300 famiglie. Raccoglieremo dati da 100 famiglie che rimangono insieme, definite “intatte”, e da 200 famiglie (100 con custodia parentale congiunta o SPC e 100 con custodia monoparentale o LPC) che hanno subito un divorzio o una separazione nell’ultimo anno. Lo studio di queste strutture familiari recentemente modificate è fondamentale, poiché fornisce informazioni sulle dinamiche mentre le famiglie sono potenzialmente alle prese con le sfide post-separazione. Per un arco di 15 giorni, verranno raccolti i dati giornalieri del genitore residente principale e di un figlio di età compresa tra 7 e 14 anni di ciascuna famiglia partecipante. Verranno raccolti anche i dati di base del genitore non residente poiché miriamo a studiare le dinamiche familiari con entrambi i genitori. Per le famiglie che rimangono insieme, entrambi i genitori parteciperanno al processo di raccolta dati giornalieri. I temi centrali di queste voci quotidiane ruoteranno attorno alle interazioni genitoriali, al legame tra genitore e figlio, agli stili genitoriali prevalenti e al benessere complessivo del bambino. Analizzeremo i dati utilizzando modelli di equazioni strutturali multilivello che tengono conto dell’interdipendenza dei membri della famiglia. Questo studio ci aiuterà a comprendere meglio come si svolge la vita quotidiana nelle diverse disposizioni familiari.

ABSTRACT:

 

Un numero crescente di pubblicazioni interdisciplinari ha evidenziato l’importanza della casa per i bambini e ha sottolineato la questione di come essi concepiscano e vivano effettivamente il concetto di “casa” dopo la separazione dei genitori. Le loro modalità di vita e le conseguenze sul benessere sono di particolare interesse per la ricerca sulle dispozioni abitative e sull’architettura poiché queste non sono ancora ampiamente riconosciute nella pianificazione e nell’edilizia contemporanea né nel patrimonio abitativo esistente. Le strutture costruite ripetono ancora tipologie risalenti all’architettura del dopoguerra, standardizzate e progettate per il modello tradizionale della famiglia nucleare e quindi inadeguate nel fornire spazi per le famiglie contemporanee. Inoltre, la separazione e il divorzio comportano costi aggiuntivi per l’alloggio e la mobilità, nonché maggiori esigenze di sincronizzazione della vita quotidiana familiare tra diverse abitazioni.

Il sottoprogetto S3 su disposizioni abitative, architettura e mobilità si concentra sulle pratiche socio-spaziali e sugli alloggi nelle modalità di custodia delle famiglie dopo la separazione e il divorzio in Svizzera e su come queste si relazionano con il benessere dei bambini. Il sentirsi a casa, il comfort, la continuità delle relazioni sociali, le questioni di identità e appartenenza e il potenziale conflitto legato allo spazio sono tutti fattori che influenzano il benessere dei bambini e la sostenibilità di una determinata modalita di custodia. La ricerca esaminerà le disposizioni abitative, le pratiche e le condizioni delle famiglie dopo la separazione e il divorzio per quanto riguarda la disposizione e la configurazione dell’appartamento, la qualità e l’atmosfera emotiva delle stanze, i modelli di mobilità spaziale, nonché in termini di fattori culturali, sociali e risorse finanziarie disponibili e necessarie.

 

Raccolta dati:

 

Il sottoprogetto S3 contribuisce all’indagine nazionale sulle famiglie svizzere (S1) e applica principalmente metodi etnografici per concentrarsi sulla vita quotidiana delle famiglie e sulle pratiche abitative secondo diverse disposizioni e tipologie. Per tracciare possibili cambiamenti e miglioramenti, le famiglie vengono studiate in due momenti diversi, a 12 mesi di distanza.

Il campione sarà stratificato in base a (a) tre accordi familiari post-separazione (custodia monoparentale, custodia parentale congiunta e bird nesting), (b) contesto socio-economico, (c) contesti rurali e urbani e (d) e tre regioni linguistiche svizzere.

I dati verranno raccolti da tre punti di vita: (1) bambini, (2) genitori biologici e sociali, nonché (3) esperti del settore dell’edilizia e responsabili politici. Il progetto utilizza interviste semi-strutturate e narrative centrate sul problema, interviste walk-along e foto-elicitazione, focus group, metodi di mappatura e osservazioni etnografiche mobili supportate da video. I dati verranno analizzati secondo la metodologia Grounded Theory con il supporto di strumenti software per l’analisi qualitativa dei dati.

La raccolta e l’analisi dei dati saranno integrate da uno studio di progettazione architettonica partecipativa della durata di due semestri presso l’ETH di Zurigo, Dipartimento di Architettura, concentrandosi sulle possibili soluzioni progettuali, sia in termini di planimetrie che di interni.

Design: Bernardo Berga | Dev: Luís Ferreira